Non c’è lusso senza design: Shanghai detta le nuove regole del luxury living

 

Il 4° Salone del Mobile.Milano Shanghai ha concluso il ciclo di expo internazionali dell’arredo del 2019 ospitando 127 brand che sono stati visitati da più di 20mila persone, a dimostrare il valore di una filiera in grado di vincere le sfide dei mercati internazionali, in particolare di quello cinese, rafforzando ulteriormente il legame culturale e commerciale tra Italia e Cina.

 

Nel 2018 l’Italia è stata il primo fornitore di arredamento per il mercato cinese, con 517 milioni di euro e una quota sul totale dell’import del 23,4% e un aumento del 10% rispetto all’anno precedente. Quest’anno, dati ICE, l’Italia consolida ulteriormente il suo primo posto tra i fornitori esteri con un incremento del 4,63% del valore di 404 milioni di euro da gennaio a settembre 2019, mentre la Germania perde il 17,13%.

 

In linea con Milano e Mosca, anche l’offerta di questo Salone del Mobile conferma maggiore attenzione al contemporary, con i due terzi delle aziende partecipanti nella categoria Design (prodotti espressione di funzionalità, innovazione e di una chiara cifra stilistica) e un terzo dei brand nella categoria xLux (prodotti in equilibrio tra eleganza classica e moderno senso estetico).

 

In questo panorama, Daytona firma un nuovo successo di gradimento del pubblico, confermando le scelte stilistiche della collezione 2019-2010 all’insegna di un lusso sempre più sofisticato fatto di tratti audaci, dettagli preziosi e particolari gioiello.

 

 

 

Richiedi Listino
[contact-form-7 404 "Not Found"]